Un balletto in cui l’innocuo e infantile sogno di una bambina il giorno di Natale diviene la drammatica storia di un’innocenza rubata e ritrovata. Di una paura di affrontare la vita, che comporta la maturazione, tipica di tutti i bambini.
Sulla meravigliosa musica del grande Cajkovskij (che purtroppo risuonava leggermente gracchiante, colpa probabilmente di un impianto audio non eccellente) si muovono personaggi assieme eleganti e innovativi, caratterizzati da un’incredibile espressività.
Esempio di fortissima espressività, tale da divenire grottesca, è l’interpretazione di André De La Roche della Fata Confetto, che dalla leggiadra fanciulla della storia originale diviene una donna corpulenta e volgare, il cui regno di dolciumi e promesse nasconde una malignità profonda e ben radicata in ogni personaggio, dalla sopracitata Fata Confetto allo stesso Schiaccianoci, capace di perpetrare l’uccisione del fratello della piccola Clara in maniera così fulminea da apparire difficilmente comprensibile.
La festa di Natale che generalmente apre il balletto è preceduta dalla presenza dei bambini, Clara e il fratello, di fronte ad una televisione, intenti a litigare per il possesso del telecomando, che il ragazzino otterrà con l’inganno.
Questa scena pare esprimere la passività dei ragazzi odierni, che accettano senza alcun filtro le vane informazioni spesso sconnesse prodotte dai mezzi di intrattenimento quali televisione e videogiochi.
Lo spettatore rimane tuttavia confuso, o almeno questa è l’impressione che ho avuto, da queste incredibili innovazioni non sufficientemente giustificate.
Intriganti i costumi, che aiutano a rendere leggeri e sensuali i ballerini.
Gli oggetti scenici, vagamente inquietanti considerate le cornici prive di quadri o le due televisioni illuminate da pubblicità dai colori sfavillanti, contribuiscono a rendere l’atmosfera tetra.

Giovedì 17 gennaio, ore 21
Teatro del Giglio, Lucca

Lo schiaccianoci
Direzione artistica di Walter Zappolini
Musica di Petr Il’ic Cajkovskij
Coreografia di Mario Piazza
Con André De La Roche, Claudia Vecchi, Azzurra Schena, Amilcar Moret Gonzalez

Sara Casini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...